Oggetto D'Arte

LA SERPE NERA (racconti 2011)

di Graziano Delorda

Messina

10.00 €

Narrativa

Sono necessari almeno 5 voti
per entrare in classifica

Ne mancano 3
Vota

Descrizione Oggetto d'Arte

«A volte mi capita di vagare per una terza via, tra il kinghiano "Cosa sarebbe successo se..." e l'inciso sempre valido "Scrivi di ciò che sai!"». Graziano Delorda così ha recentemente commentato il suo approccio alla scrittura, citando due mostri sacri della narrativa e in particolare proprio del racconto breve, Stephen King ed Ernest Hemingway. Nella Serpe nera l'autore del romanzo Pace (Pungitopo, 2010) torna al passo narrativo del racconto a lui particolarmente congeniale, rielaborandolo anche con l'utilizzo di forme meno canoniche, dagli stralunati 'appunti' giornalistici fino a servirsi di poche, cruente righe, difficili da definire.
Le storie qui per la prima volta raccolte in un unico volume, scritte tra il 1998 e il 2010, ci mettono di fronte a vicende spesso grottesche, estrose quanto ironiche, da quelle più serie e sconvolgenti a scene di vita comune stravolte da eventi inimmaginabili, apparentemente normali, che all'improvviso deviano lontanissimi dalla realtà quotidiana, tornando ad essa da strade non tracciate.
 

Le recensioni degli utenti

  • Ottimo

    22/06/2016 Ore 14:49

    • Voto:

    Particolarissimo libro in forma di racconti. L'elemento che più colpisce è l'originale uso della parola e delle immagini. La Serpe Nera affronta in modo obliquo situazioni che sembrerebbero apparentemente comuni e banali con un piglio trasversale, che a volte può sembrare surreale e grottesco.

    Ti è stata utile questa recensione?

    Piace a 4 persone
  • La Serpe Nera

    22/06/2016 Ore 15:25

    • Voto:

    Letta qualche anno fa la raccolta di racconti di Graziano Delorda, la trovai particolarmente originale e in alcuni apetti anche lisergica. La consiglio a chi ama la roba un pò sopra le righe.

    Ti è stata utile questa recensione?

    Piace a 3 persone

Devi effettuare il login per lasciare un commento

Login

Help me
ArtConsulent

Hai un dubbio? Scrivici!